Iniziative — 26 giugno 2006

De Angelis presenta il manuale per abbattere la burocrazia

26 Giugno 2006
COMUNICATO STAMPA

Un manuale per semplificare le procedure e gli iter delle pratiche in capo alle imprese. Lo ha presentato stamane l’assessore alla Piccola e media impresa, commercio e artigianato Francesco De Angelis.

Si tratta del "Manuale per il responsabile dello sportello unico", uno strumento che spiega in dettaglio le procedure che gli sportelli unici per le attività produttive, attivati dai comuni del Lazio, devono svolgere per semplificare i rapporti tra pubblico e privato.

«La pubblica amministrazione, ha affermato De Angelis, deve agevolare e non ostacolare il privato. Quanto più le procedure pubbliche saranno semplici, tanto più gli imprenditori saranno motivati ad investire, creando nuova ricchezza ed occupazione nel nostro territorio. Con questa convinzione, la Regione sta sostenendo la nascita degli sportelli unici per le attività produttive (SUAP), il cui primo obiettivo deve essere quello di creare un’unica struttura ed un unico interlocutore, eliminando i disagi derivanti dalla necessità di recarsi in diversi uffici pubblici per ottenere autorizzazioni e pareri di rispettiva competenza».

Nel Lazio, tuttavia, secondo i dati riferiti alla fine del 2004 del Formez – struttura del Dipartimento della Funzione pubblica che ha collaborato alla stesura del manuale – su 378 comuni, 181 hanno istituito lo sportello, ma solo 65 di questi sono operativi.

«Per questo la Regione – ha ripreso l’Assessore – sta promuovendo una serie di iniziative per rendere operativi gli sportelli. In un anno di legislatura abbiamo favorito l’apertura di venti nuovi sportelli unici, attivati dai comuni in forma singola o associata, e quest’anno apriremo un nuovo bando di 810 mila euro per finanziare le amministrazioni comunali che intendono aprire nuovi sportelli».

«Abbiamo inoltre avviato un percorso di delegificazione in ogni settore produttivo. In pratica intendiamo eliminare leggi, leggine e regolamenti che, nel corso degli anni, hanno ingessato alcuni settori, spesso contraddicendosi tra loro e generando dubbi interpretativi e conflitti, con aggravio di tempi e costi sulle imprese.

Per l’economia occorrono invece poche leggi, chiare e dirette. A tale scopo, ha concluso De Angelis, stiamo creando in ogni settore testi unici, a cominciare dall’artigianato e dalle attività estrattive. Abbiamo infine attivato un gruppo di lavoro per giungere ad una legge regionale di semplificazione in campo economico».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>