Iniziative — 14 luglio 2006

Indotto Fiat di Cassino: De Angelis, al via i primi progetti. Stanziati 9 milioni di euro

13 luglio 2006 

Cassino - Operai all'uscita dallo stabilimentoLe risorse disponibili per l’anno 2006, 8 milioni e 998mila euro, provengono in parte dagli stanziamenti approvati nell’ultimo bilancio dal Consiglio regionale su proposta dell’Assessore (15 milioni di euro ripartiti nelle tre annualità 2006, 2007, 2008) e in parte da residui di bilancio dello scorso anno.

De Angelis: «Sono risorse vere che andranno a finanziare progetti concreti ed utili al rilancio del territorio e delle imprese».

13 luglio 2006

«Insieme a sindacati, rappresentanti degli imprenditori, enti e società regionali, oggi la Regione ha dato il via libera al finanziamento, con 8 milioni e 998mila euro, dei primi progetti in relazione alla legge sull’indotto FIAT. Si tratta di una svolta per il nostro territorio, all’insegna della concretezza. Un grande risultato per sostenere la competitività delle PMI e rafforzare l’intero tessuto economico locale».

È il commento dell’Assessore alla piccola e media impresa, commercio e artigianato Francesco De Angelis, al termine della seduta del tavolo di concertazione sulla legge regionale 46 del 2002 a sostegno dell’indotto FIAT, che ha approvato all’unanimità il finanziamento degli interventi e dei progetti per l’anno 2006.

Cassino - Operai all'uscita dallo stabilimentoAl tavolo, presieduto dall’Assessore De Angelis erano presenti rappresentanti di Regione, Provincia di Frosinone, Comune di Cassino, Cosilam, Consorzio ASI di Frosinone, Università di Cassino, Federlazio, Confindustria Lazio, Unione industriale di Frosinone, CNA, Confcommercio, Sindacati dei lavoratori e società della rete regionale (Sviluppo Lazio, Filas, BIC Lazio, Unionfidi).

Le risorse disponibili per l’anno 2006, 8 milioni e 998mila euro, provengono in parte dagli stanziamenti approvati nell’ultimo bilancio dal Consiglio regionale su proposta dell’Assessore (15 milioni di euro ripartiti nelle tre annualità 2006, 2007, 2008) e in parte da residui di bilancio dello scorso anno.

«Sono risorse vere, prosegue De Angelis, che andranno a finanziare progetti concreti ed utili al rilancio del territorio e delle imprese».

Nel dettaglio, il tavolo ha destinato 1,5 milioni a BIC Lazio per attività di animazione territoriale e sostegno alle imprese; 1,8 milioni al Cosilam per il potenziamento e la creazione di un rondò a servizio della viabilità del comprensorio industriale; 680mila euro, sempre al Cosilam, per il cablaggio dei nuclei industriali di Cassino e Pontecorvo; 1 milione all’ASI di Frosinone per il cablaggio dei nuclei industriali di Anagni, Frosinone, Ceprano e Sora; 200 mila euro all’Università di Cassino per lo studio di fattibilità delle fermate merci della TAV a Cassino e Frosinone; 3 milioni di euro alla Provincia di Frosinone per i patti territoriali; 1,3 milioni a BIC Lazio ed IPI per il progetto legato alla diversificazione ed alla riconversione produttiva».

«Un importante risultato, aggiunge l’Assessore, che testimonia la svolta che la Giunta Marrazzo ha impresso alla politica di sostegno e di sviluppo del territorio in provincia di Frosinone. Abbandonati gli annunci, la Regione ha riunito attorno ad un tavolo gli attori locali, in un lavoro di concertazione che ha messo da parte ogni particolarismo, per l’unico obiettivo di rilanciare il tessuto economico, le imprese e tutelare l’occupazione.

Un processo che abbiamo inaugurato lo scorso anno, stanziando due milioni di euro durante l’assestamento di bilancio, che abbiamo proseguito elargendo 2 milioni e 476 mila euro a 38 aziende dell’indotto FIAT che avevano presentato progetti di innovazione e sviluppo in relazione alla Legge 46, e che stiamo completando, con lo stanziamento di 15 milioni in tre anni e con l’approvazione odierna del primo pacchetto di interventi».

«Sono soddisfatto per la condivisione unanime del programma di interventi e ringrazio tutti per l’impegno e la dedizione fin qui mostrata, che ci ha consentito di voltare pagina nel segno della concretezza. In autunno, nella prossima seduta del tavolo di concertazione, conclude De Angelis, metteremo a punto la programmazione degli interventi per il 2007».

De Angeli con Marrazzo«L’approvazione dei progetti di interventi strutturali per l’indotto Fiat – ha commentato il Presidente della Regione Piero Marrazzo – è l’approdo di un percorso che questa amministrazione ha voluto fortemente. La concertazione, il coinvolgimento di tutti gli attori interessati al rilancio ed allo sviluppo di questa importante area industriale, hanno portato i risultati che eravamo convinti portassero. Questo piano di finanziamento segna soprattutto un notevole distacco con il passato, premiando progetti in grado di potenziare le infrastrutture e modernizzare un intero sistema industriale strategico per l’economia dell’intera Regione.

Desidero ringraziare gli enti locali, gli imprenditori, i sindacati, l’università e tutti i soggetti che hanno fornito il loro contributo affinché le risorse messe a disposizione dalla Regione possano rappresentare un serio investimento sul futuro ed un primo, significativo passo verso l’alta specializzazione tecnologica di un’area industriale che nei nostri piani non dovrà supportare solo la casa automobilistica torinese, ma competere a livello internazionale con i grandi poli tecnologici. Questo, conclude Marrazzo, resta il nostro obiettivo a medio termine».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>