Iniziative — 31 ottobre 2006

De Angelis: via libera dalla commissione alla legge sui pubblici esercizi

31 Ottobre 2006
COMUNICATO STAMPA

«Con questa legge, che ora passa all’esame del Consiglio per la definitiva approvazione, il Lazio si dota di una norma innovativa per lo sviluppo dei pubblici esercizi, un settore che esprime oltre 23mila imprese e circa 65mila addetti. È una legge che semplifica, ma non liberalizza, eliminando lacci e barriere a favore di chi intende investire, favorendo la qualità e la tutela del consumatore. Una legge che presta particolare attenzione al ruolo di Roma, che esprime circa 10mila tra bar e ristoranti, ed alla quale la Regione conferisce, in deroga agli indirizzi regionali, poteri speciali per la determinazione dei criteri e degli indici per il rilascio di nuove autorizzazioni, soprattutto in considerazione della rilevanza turistico-monumentale e del crescente livello dei flussi turistici».

Lo afferma l’Assessore alla piccola e media impresa, commercio e artigianato Francesco De Angelis, commentando l’approvazione da parte della X Commissione consiliare (attività produttive) alla proposta di legge sulla somministrazione di alimenti e bevande, promossa dallo stesso Assessore.

«Il motivo portante della legge è semplificare la materia e favorire la libera concorrenza. Sarà più facile avviare un’attività di somministrazione: le attuali quattro autorizzazioni (ristoranti, bar, bar con intrattenimento e sale da te) vengono ricondotte ad una unica licenza; vengono semplificate le procedure ed eliminate le diverse Commissioni».

Per favorire lo sviluppo del settore, non sono previste distanze minime tra gli esercizi né ulteriori autorizzazioni per l’ampliamento dell’attività.

«Abbiamo prestato particolare attenzione – aggiunge De Angelis – alla formazione, con percorsi di  aggiornamento e qualificazione degli operatori e dei dipendenti. La legge sopprime la voce “pane e coperto” dai menu, contiene l’obbligo di esposizione dei listini e la chiara indicazione di eventuali maggiorazioni. I rappresentanti dei consumatori entreranno a far parte dell’Osservatorio del commercio, potendo così decidere insieme agli altri attori le strategie di sviluppo».

«Importante è poi l’emendamento approvato oggi, prosegue De Angelis, con il quale – per il territorio del comune di Roma – abbiamo stabilito che il Campidoglio rilascerà una apposita autorizzazione per tutte quelle attività che abbinano la somministrazione ad attività culturale, sportiva o ricreativa».

Soddisfatto anche il presidente della Commissione, Carlo Umberto Ponzo. «Questa proposta di legge va a colmare un vuoto normativo all’insegna della tutela dei consumatori, della libera concorrenza e della semplificazione».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>