Comunicati stampa — 25 ottobre 2007

NANOTECNOLOGIE, LA REGIONE AVVIA PROGETTO IN CANADA

A Montreal De Angelis ha incontrato anche la comunità ripana

Si è chiusa con profitto la missione promossa dall’Assessorato alla piccola e media impresa in Canada, finalizzata allo sviluppo di relazioni economiche tra istituzioni economiche ed imprese. 

Al centro dell’attenzione soprattutto lo sviluppo di progetti legati alle nanotecnologie, settore in cui il Lazio esprime importanti eccellenze. 

 

«I partner canadesi, ha spiegato l’Assessore Francesco De Angelis, hanno molto apprezzato le nostre capacità nel campo dell’innovazione e della ricerca. L’obiettivo che ci siamo posti è avviare programmi comuni tesi ad incoraggiare sinergie tra il mondo accademico, le aziende ed i laboratori di ricerca. In proposito il Lazio sta lavorando alla costituzione, all’interno del fondo di rotazione per le imprese del Lazio, di un progetto mirato per l’implementazione e lo sviluppo delle imprese nel settore specifico delle nanotecnologie. Ed al tempo stesso stiamo rimodulando anche strumenti legislativi esistenti. È il caso della legge regionale 46 del 2002 (legge creata per sostenere la crescita delle imprese legate all’indotto FIAT di Cassino), grazie alla quale la Regione si accinge ad individuare risorse apposite per consentire la parziale riconversione delle imprese legate all’indotto FIAT, per favorire progetti legati alle nanotecnologie».

 

La delegazione laziale, guidata dall’Assessore, ha approfondito diverse tematiche legate al rafforzamento delle relazioni bilaterali ed al sostegno di iniziative e progetti comuni.

L’assessore, in occasione della sua visita, ha inoltre incontrato l’associazione “Ripana” a Montreal. «In Canada c’é molta Ciociaria – ha aggiunto De Angelis. E con grande emozione ho risposto all’invito dalla comunità “Ripani” di Montreal, una delle rappresentanze più nutrite di italiani emigrati presenti sul territorio della metropoli canadese».

Ad accogliere l’assessore regionale all’interno dell’associazione “Ripana”, è stato il presidente, Angelo Imperioli. Un incontro cordiale sottolineato da uno scambio di doni culminato con una serata di gala in onore di De Angelis che ha potuto portare il saluto della terra natia a coloro che, da generazioni, sono stati costretti a lasciarla.

Incontri personali caratterizzati da momenti anche di grande emozione.

«Abbiamo vissuto momenti davvero particolari – spiega De Angelis. E’ stato l’incontro con storie che hanno per protagonisti i sacrifici ed il grande impegno dei nostri conterranei ai quali va il nostro sentito ringraziamento per la loro caparbia capacità di onorare il nome della nostra terra. A loro ho voluto trasmettere la certezza che il nostro legame è sempre più forte e che non verranno mai meno le nostre attenzioni affinché possano sentire sempre vicino il sostegno della propria terra d’origine».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>