Comunicati stampa — 22 novembre 2007

REGIONE, APPROVATO IL PIANO REGOLATORE ASI

DE ANGELIS E POMPILI: «GARANTITO UNO SVILUPPO EQUILIBRATO E COMPATIBILE DEL TERRITORIO»

Roma, 22 Novembre 2007

«Dopo tanti anni di attesa siamo riusciti a raggiungere un importante risultato per lo sviluppo e la salvaguardia ambientale di tutto il territorio».

Francesco De Angelis (Assessore alla piccola e media impresa) e Massimo Pompili (Assessore all’urbanistica) commentano soddisfatti l’approvazione, da parte delle commissioni Urbanistica (presieduta da Claudio Moscardelli) ed Attività produttive (presieduta da Umberto Ponzo) della Regione Lazio, del Piano regolatore Asi di Frosinone. Il provvedimento passa ora all’esame e all’approvazione del Consiglio regionale.

«Con questo provvedimento – aggiungono i due assessori – al Consorzio industriale di Frosinone viene fornito un adeguato strumento urbanistico, di fondamentale importanza per intervenire sul territorio e programmare un concreto e razionale sviluppo di tutta l’area di pertinenza. Ciò riuscirà a stimolare nuove risorse imprenditoriali e nuovi investimenti, con innegabili e positive ricadute positive anche per quanto riguarda l’aspetto occupazionale».

«Oggi è una giornata importante – spiegano De Angelis e Pompili – Con il raggiungimento di questo risultato di fatto si creano le premesse per portare il settore dell’imprenditoria a investire e scommettere sempre di più su tutto il territorio. Era dal 1990 che si attendeva la rivisitazione del Piano regolatore dell’Asi. In questi anni il Consorzio si è trovato nell’impossibilità di avviare le procedure per l’esproprio delle aree e per le assegnazioni alle imprese industriali. Oggi si volta pagina. E dopo l’approvazione della Giunta regionale, il via libera delle competenti commissioni conferma la grande attenzione che da sempre questa amministrazione ha riservato per la soluzione del problema. Il principale obiettivo resta quello di incentivare l’iniziativa privata a credere nel territorio».

Nel corso della stessa riunione, le due Commissioni hanno deliberato anche una prescrizione per la salvaguardia dell’area di Bosco Faito.

«In sostanza – spiega De Angelis – con questa prescrizione la zona di Bosco Faito di Ceccano viene stralciata dal Piano regolatore Asi di Frosinone. Questo permetterà di raggiungere un altro importante risultato: la tutela e la valorizzazione del patrimonio ambientale di tutta la zona. Una zona che verrà presto individuata come “monumento naturale”».

«Con questo provvedimento – conclude De Angelis – tuteliamo il patrimonio ambientale di Bosco Faito e consentiamo uno sviluppo dell’area industriale per la crescita e la competitività della nostre aziende  e del territorio».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>