Comunicati stampa — 8 gennaio 2008

ANTICRIMINE, SUCCESSO DEL BANDO

Esauriti in poco tempo i fondi disponibili.

Roma, 8 gennaio 2008

 

Chiuso oggi in poche ore il bando che concede contributi alle piccole e medie imprese del commercio per la riqualificazione e il potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza anticrimine.

L’iniziativa, promossa dalla Regione su iniziativa dell’assessore a Pmi, commercio e artigianato Francesco De Angelis e gestita da Sviluppo Lazio, ha avuto un grande successo. Il bando prevedeva uno stanziamento di circa 1 milione e 400 mila euro, destinato alla riqualificazione, all’installazione e al potenziamento di sistemi e apparati di sicurezza a difesa passiva, contro i pericoli derivanti da fenomeni di criminalità.

 


In totale sono state 346 le domande pervenute al sito di Sviluppo Lazio prima della chiusura per esaurimento fondi: 183 da Roma (il 53 per cento del totale), 92 da Frosinone (27 per cento), 39 da Latina (11 per cento), 20 da Viterbo (6 per cento) e 12 da Rieti (3 per cento).

«L’esaurimento in breve tempo dei fondi disponibili, peraltro consistenti, testimonia l’interesse dei commercianti – ha commentato l’Assessore De Angelis – rispetto all’opportunità di riqualificare e potenziare i sistemi e gli apparati di sicurezza dei negozi per prevenire fenomeni criminali. Un concreto esempio di come i fondi pubblici incentivino investimenti privati. Considerato infatti che il bando finanzia al 50% le spese sostenute, i contributi genereranno un investimento complessivo di circa 2 milioni e 900 mila euro».

Il bando ammetteva a finanziamento le spese per: collegamenti telefonici, telematici e informatici per il collegamento degli impianti di sicurezza con centrali di vigilanza; sistemi di videosorveglianza o videoprotezione, nel rispetto della legge sulla privacy; sistemi telematici antirapina integrati; sistemi antifurto, antirapina o antintrusione ad alta tecnologia; sistemi di allarme con individuazione satellitare collegati con le centrali di vigilanza; casseforti o armadi blindati; cristalli antisfondamento; inferriate, serrande e porte di sicurezza; sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito); dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna, connessi all’impiego di protezioni che consentono la vista dell’interno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>