Comunicati stampa — 11 agosto 2008

DE ANGELIS: NUOVE RISORSE PER QUATTRO DISTRETTI

Intesa Stato-Regione. 3,5 milioni per il tessile di Sora, il distretto lapideo, l’agroindustriale pontino e il chimico-farmaceutico del Lazio meridionale

11 agosto 2008

Francesco De Angelis

Tre milioni e cinquecentomila euro in arrivo per quattro distretti industriali del Lazio. Sono le risorse che Stato e Regione hanno stanziato e che verranno utilizzate a stretto giro per alimentare un bando di contributi a favore delle aggregazioni di imprese.

Lo annuncia l’Assessore alla PMI, commercio e artigianato Francesco De Angelis che, di concerto con l’Assessore al bilancio Luigi Nieri, ha promosso una delibera approvata dalla Giunta regionale per impegnare 1,7 milioni di euro a favore dei distretti. Il restante 50% della somma verrà coperto con fondi statali, come previsto dal decreto “Progetti a favore dei distretti industriali”, promosso il 28 dicembre scorso dai Ministeri dello sviluppo economico e dell’economia e finanze.

«Il sostegno ai distretti produttivi, spiega De Angelis, costituisce una scelta strategica per lo sviluppo del territorio. Per questo la Regione ha deciso di stanziare, tramite la legge regionale 36 del 2001, un fondo aggiuntivo rispetto al bando 2008 sui distretti, anche avvalendosi di apposite economie di Sviluppo Lazio».

I distretti destinatari del bando di 3,5 milioni di euro, che nelle prossime settimane verrà approvato dalla Regione, sono:

1.     il distretto tessile di Sora – Valle del Liri (provincia di Frosinone)

2.     il distretto lapideo dei Monti Ausoni e della Tiburtina (province di Frosinone e Roma)

3.     il sistema produttivo agroindustriale pontino (Provincia di Latina)

4.     il sistema produttivo chimico-farmaceutico del Lazio meridionale (province di Frosinone, Latina e Roma).

«Si tratta di una nuova importante opportunità di sviluppo che viene offerta a quattro importanti poli produttivi del Lazio. Le risorse stanziate da Governo e Regione, precisa l’Assessore De Angelis, andranno a finanziare progetti di rete. Non saranno quindi incentivi rivolti alle singole unità locali, ma strumenti per rafforzare la competitività del territorio produttivo nel suo complesso, rivolgendosi ad aggregazioni di imprese, nell’ottica di dare slancio e sviluppo alle filiere ed ai sistemi economici locali».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>