Comunicati stampa — 22 luglio 2010

QUOTE LATTE, DE ANGELIS (PD): “SOSTEGNO ALLA PROTESTA, TUTELARE I PRODUTTORI ONESTI”

“La vicenda delle quote latte sta assumendo contorni sempre più grotteschi”. Così ha esordito l’europarlamentare Francesco De Angelis in merito all’emendamento “congela multe” proposto dalla Lega, che proroga il pagamento delle multe sulle quote latte agli allevatori che non hanno rispettato il quantitativo individuale di riferimento. “Non si capisce secondo quale logica il Governo interviene in difesa di chi non ha rispettato le norme vigenti, rischiando di far pagare il peso di questa scelta a tutti gli allevatori onesti che in questi anni hanno speso soldi, tempo e fatica per rispettare la legge. Infatti la UE potrebbe ridurre i contributi destinati all’agricoltura per compensare i mancati pagamenti delle multe dovute. Si tratta di un esiguo numero di allevatori che hanno deciso di scriversi le regole da soli, una minoranza di produttori di latte irriducibili, che espongono l’Italia ad ulteriori e pesanti sanzioni in Europa.

 

 

 


Le istituzioni devono essere schierate in modo chiaro per il rispetto della legalità. I singoli allevatori che hanno sforato, devono farsi carico del problema e pagare le multe, senza gravare su chi si è comportato onestamente. La notizia del parere negativo in Commissione Agricoltura, oltre a segnare l’ennesima sconfitta di un Governo sempre più in difficoltà, fa capire come questo provvedimento non sia condiviso neppure da diverse anime della maggioranza, ma sia voluto solamente dalla Lega per tutelare gli interessi di pochi”. “Siamo vicini alle associazioni di categoria che stanno facendo sentire la propria voce, contro un provvedimento che penalizza chi ha rispettato le regole, mentre sta proteggendo chi ha agito fuori dalle direttive comunitarie. Se il Governo prosegue su questa linea ed insiste nel portare avanti questa proroga, in questo modo si instaura il pericoloso principio che conviene non rispettare la legge, perché comunque la fa franca".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>