Comunicati stampa — 20 novembre 2010

DE ANGELIS AL CONVEGNO DELLA COLDIRETTI

Si è svolto questa mattina a Frosinone il convegno della Coldiretti "Una filiera agricola tutta italiana", nel quale è stato discusso il progetto che vede la possibilità di una creazione di una filiera agricola italiana, in cui tutti i processi devono avvenire in Italia, dalla produzione agricola rigorosamente Made in Italy alla trasformazione, finanche alla distribuzione, con l’obiettivo di creare vantaggio non solo agli agricoltori, ma a tutta l’economia.

  

L’europarlamentare Francesco De Angelis, intervenuto all’iniziativa, ha dichiarato: "L’agricoltura è un settore fondamentale della nostra economia e va sostenuto con maggiore forza ed incisività.

"L’Unione Europea – ha proseguito il deputato europeo – ha sempre avuto una particolare attenzione per le tematiche agricole: il Piano di Sviluppo Rurale è un esempio, un piano attraverso cui si può accedere a fondi europei che possono generare occupazione e potenziare il settore agricolo. L’UE ha sempre considerato l’agricoltura fonte di sviluppo e reddito e per questo motivo si è dotata di un’ampia strategia per proteggere questo settore: i provvedimenti nel campo della sicurezza alimentare, relativi non soltanto agli alimenti, ma anche alla salute e al benessere degli animali e alla salute delle piante, sono stati molti importanti perché tutelano produttori e consumatori. La strategia garantisce la rintracciabilità degli alimenti grazie a un approccio dal produttore al consumatore definito "dai campi alla tavola", anche quando vengono attraversati i confini interni dell’UE, in modo che il commercio non sia ostacolato e che vi sia una grande scelta e varietà nell’alimentazione. Una filiera agricola gestita per una parte sempre più importante, se non addirittura totale, dagli agricoltori è sicuramente un progetto ambizioso e positivo: creare una cooperazione attiva tra imprese, cooperative agricole e consorzi di distribuzione, migliorando la qualità dei prodotti e tutelando sempre di più il "made in Italy" e, di conseguenza, i consumatori, è un modo per rilanciare e migliorare tutta l’agricoltura italiana".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>