Comunicati stampa — 18 aprile 2011

DE ANGELIS: “LA SCUOLA PUBBLICA E’ SOTTO ATTACCO”

“Condivido le proteste degli studenti e dei sindacati: bisogna difendere la scuola pubblica, soprattutto in questo periodo”. Così ha esordito l’europarlamentare Francesco De Angelis nel commentare la giornata di mobilitazione prevista per Martedì 19 Aprile indetta dai sindacati nelle piazze di oltre cinquanta città italiane, per rispondere agli attacchi del Premier di questi giorni, per protestare contro i tagli della riforma Gelmini e per preparare lo sciopero generale del 6 Maggio.

 

 “Ad una politica devastante per la formazione ed il sapere – prosegue De Angelis – in questi giorni si è aggiunta l’aggravante di attacchi gratuiti del Presidente Berlusconi verso la scuola pubblica che stanno oltrepassando ogni limite. La scuola della Repubblica ha contribuito a formare generazioni di cittadini consapevoli e partecipi, portatori di valori di civiltà, di solidarietà e partecipazione e merita rispetto e considerazione".

"La Legge Germini – continua De Angelis – sta minando la pubblica istruzione: tagli al personale docente ed ata, aumento del precariato, sovraffollamento nelle classi, blocco del contratto ai docenti, tutti fattori che hanno comportato una didattica peggiore. Anche nella nostra provincia i tagli sono stati considerevoli e per il prossimo anno scolastico si prevedono ben 400 posti di lavoro in meno. Il PD sostiene queste mobilitazioni che vogliono riportare al centro il sapere e la conoscenza, riconoscendo il ruolo della scuola pubblica, l’educazione ai valori, il lavoro svolto dagli insegnanti. Questi per noi sono i pilastri della nostra visione dell’Italia, perché solo puntando sulla conoscenza si possono gettare le basi per il futuro una ripresa economica e culturale del nostro Paese”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>