Comunicati stampa — 19 luglio 2011

Videocon DAY. “Evitare il concordato preventivo, riprogrammare lo sviluppo produttivo”.

“Era importante essere presente a questa manifestazione per testimoniare la vicinanza e la piena solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie”. Così ha esordito l’europarlamentare Francesco De Angelis a margine del VideoconDay a cui il deputato europeo ha partecipato insieme con il Segretario del PD di Anagni Vittorio Save Sardaro.
 
 
 
“Tutti i rappresentanti delle istituzioni – ha aggiunto De Angelis – devono però garantire anche il massimo impegno per far si che questa vicenda venga finalmente risolta. In particolare i ritardi sulla soluzione della ristrutturazione del debito stanno creando problemi, ma è anche fondamentale vigilare sulle possibili intese, tutelando gli interessi del nostro territorio ed evitare il fallimento dello Stabilimento. In particolare il Ministero deve mediare rispetto a questa vertenza, evitando in tutti i modi il concordato preventivo che è l’anticamera del fallimento. 

"L’obiettivo – continua De Angelis – che tutti devono porsi è quello di un rilancio produttivo della Videocon perché urge una risoluzione a breve di questa vicenda che sta assumendo, giorno dopo giorno, contorni sempre più drammatici: si può cominciare a discutere ripartendo dal contratto di Programma siglato nel 2007 ed anche da quei progetti industriali e di ricerca avanzata di Regione e Provincia che garantivano sviluppo e futuro allo Stabilimento produttivo. Per questo motivo è il Governo che deve intervenire con decisione, proponendo una mediazione che possa garantire le parti e salvaguardare lo Stabilimento ed i lavoratori, tutelando anche le piccole e medie imprese dell’indotto della seconda realtà produttiva della Provincia di Frosinone, dopo la Fiat di Cassino. Mi auguro che questa manifestazione dia lo slancio per risolvere definitivamente questa annosa vicenda”. Sulla stessa scia anche il segretario del PD di Anagni Save Sardaro: “E’ evidente che la partita è più grossa: è il Governo che deve adoperarsi per risolvere il problema Videocon ma purtroppo questo esecutivo non ha né la forza né la capacità politica per farlo.  L’assenza odierna del Ministro dello Sviluppo Economico, forse perché impegnato ad occuparsi dei propri problemi, ci fa capire che il Governo è lontano dalle esigenze di questi lavoratori. Mi auguro che la Regione, avendo promosso questa manifestazione, abbia ben chiaro i passaggi da fare per raggiungere l’obiettivo e non si alimentino solo false speranze, illudendo 1300 famiglie, perché questo sarebbe davvero intollerabile”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>