Comunicati stampa — 12 settembre 2011

PMI: PUNTARE SULLE DONNE PER RILANCIARE LA CRESCITA

“La legge con la quale lo scorso maggio il parlamento norvegese ha stabilito quote rosa minime nei CDA ha riaperto anche nell’UE il dibattito sulla parità uomo-donna nell’esercizio dell’attività d’impresa. Se il tema delle quote è certamente d’attualità, l’Europa deve tuttavia interrogarsi sugli strumenti e le infrastrutture necessarie per agevolare l’attività delle donne imprenditrici”  A dichiararlo è Francesco De Angelis, deputato europeo del PD e membro della Commissione Industria, Ricerca ed Energia, in merito al rapporto Yannakoudakis su “Le donne imprenditrici nelle PMI”.
 
 
“Sono necessari interventi a tutti i livelli – prosegue De Angelis – e attraverso vari canali: internet può essere la chiave per sostenere coloro che devono lavorare da casa o in zone periferiche, mentre lo sviluppo parallelo di politiche familiari risulta essenziale, ad esempio mettendo a disposizione delle donne strutture di assistenza infantile adeguate. Sul versante della promozione del principio di parità di genere nell’attività d’impresa, c’è bisogno  di sostenere maggiormente il gruppo volontario di ambasciatrici gestito dalla Commissione europea, coinvolgendo più paesi e rendendo la sua struttura più formale”

 
Conclude l’on. De Angelis che “le PMI rappresentano oggi il 99% della nostra capacità di fare economia e produrre ricchezza. Per questa ragione è giunto il momento che si aprano alle donne non solo per quanto riguarda le posizioni subalterne, come avviene maggiormente nei paesi europei dell’aerea mediterranea, ma anche nei ruoli apicali che oggi sono troppo spesso appannaggio esclusivo degli uomini”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>