Comunicati stampa — 4 dicembre 2011

LA NUOVA POLITICA DI COESIONE. CRESCITA, SVILUPPO e SOLIDARIETA’

Si è svolta Venerdì 2 Dicembre, presso la sala conferenze della Camera di Commercio di Frosinone, la conferenza stampa sul tema “LA NUOVA POLITICA DI COESIONE. CRESCITA, SVILUPPO E SOLIDARIETA’” promossa dal gruppo dell’Alleanza progressista dei Socialisti&Democratici al Parlamento Europeo, delegazione del Partito Democratico.
 
“Parliamo della politica di coesione – ha esordito l’eurodeputato Francesco De Angelis, promotore dell’iniziativa, aprendo l’evento – perché vuol dire focalizzare l’attenzione sulla programmazione 2014-2020 dei fondi strutturali, che sono risorse fondamentali, lo sanno bene i nostri amministratori, soprattutto in un momento come quello che stiamo attraversando.

Prosegue De Angelis: "Questi fondi sono risorse preziose che consentono di superare le fasi difficili con investimenti produttivi destinati allo sviluppo, all’occupazione e alla coesione sociale. Stiamo parlando di 376 miliardi di euro, di cui 53 miliardi per le regioni obiettivo 2 (in cui c’è anche la Regione Lazio), 11 miliardi per la cooperazione territoriale e 50 miliardi di euro sui trasporti. Un punto importante sono i regolamenti generali e settoriali, sui quali si sta discutendo adesso: noi vogliamo lavorare con le associazioni di categoria e con i sindaci per raccogliere indicazioni utili per cercare di semplificare l’accesso ai fondi ed i bandi, in modo da ridurre il limite di capacità di assorbimento: ovvero spesso questi fondi non vengono spesi e tornano indietro. Inoltre, rispetto alla proposta della Commissione noi presenteremo un emendamento che punta ad eliminare la macro condizionalità economica, che è un punto che può creare problemi alla nostra Regione. Ovvero vogliamo evitare che le difficoltà di bilancio degli enti sia un impedimento per l’accesso alle risorse. Infine, vogliamo evidenziare che questa iniziativa vuole mettere l’accento su un passaggio molto importante: l’impegno del nostro Partito su questo tema sarà deciso ed organico. Concludo ribadendo che nell’ambito della strategia Europa 2020, tutte le regioni sono chiamate a svolgere un proprio ruolo per promuovere una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e per questo motivo la provincia di Frosinone dovrà farsi trovare pronta e recepire le indicazioni che arriveranno dall’Europa, facendo sistema e presentando progetti che puntino sull’innovazione prestando attenzione alla qualità della spesa che deve essere finalizzata alla produttività, allo sviluppo e al lavoro”. Dopo De Angelis, ha preso la parola il capogruppo del PD in seno all’Amministrazione Provinciale Antonio Cinelli. “E’ un’iniziativa importante soprattutto in quest’ultimo periodo che stanno aumentando gli “euroscettici”. L’Europa è quella che può aiutare i territori a superare le disparità presenti all’interno dell’Unione, grazie alla politica di coesione e quindi può aiutare le  regioni in difficoltà o in ritardo come la nostra. Per questo è importante che la conoscenza dell’Europa giunga in provincia e queste iniziative favoriscono questo processo, in modo che si possano cogliere le potenzialità e le opportunità che l’UE offre agli Stati Membri”. Sulla stessa scia il Presidente dell’assemblea del PD (e sindaco di Giuliano di Roma) Aldo Antonetti: “I finanziamenti europei rappresentano delle risorse fondamentali specialmente in questo periodo in cui i bilanci comunali sono in rosso. Un aspetto fondamentale è la semplificazione dei bandi, perché spesso i passaggi burocratici frenano l’attività degli enti e delle PMI: lavorare in questo senso ci potrà permettere di realizzare progetti concreti per il nostro territorio”. Poi è stato il turno del segretario provinciale del PD Lucio Migliorelli: “Io non posso che confermare tutto il sostegno del PD alle iniziative che l’eurodeputato De Angelis sta mettendo in campo per garantire una programmazione adeguata alle necessità dei nostri territori, per creare e favorire le condizioni di accesso ai finanziamenti europei”. Infine, ha chiuso i lavori il consigliere regionale Francesco Scalia: “Questo è un momento fondamentale perché si stanno decidendo le linee d’azione dei fondi strutturali. Oggi si decide come verranno spese queste risorse nei prossimi sette anni. Ci sono tanti ambiti d’intervento nelle azioni prioritarie indicate dall’Europa, penso ad esempio all’Ambiente: potrebbe essere l’occasione per convertire e rilanciare aree degradate come la Valle del Sacco. Spero soltanto che non avverrà più quello che è accaduto nel 2010 nella Regione Lazio: la Giunta Polverini, appena insediata, per non riconoscere il buon lavoro di svolto dall’amministrazione di centro sinistra, con una scelta folle ha cancellato la programmazione dei fondi regionali comunitari, perdendo risorse preziose per il nostro territorio”. Presenti in platea, tra gli altri, il Vicepresidente di Unindustria Marcello Pigliacelli, Stephan Palombo in rappresentanza della Cia ed i sindaci Maurizio Proietto (Serrone), Mauro Bussiglieri (Collepardo) ed Antonello Antonellis (San Donato Valcomino).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>