Comunicati stampa — 2 febbraio 2012

Ritardi di pagamento, la soddisfazione degli eurodeputati PD: “Raggiunto obiettivo importante”

“Finalmente si raggiunge l’obiettivo di una battaglia cominciata due anni fa con i primi negoziati a livello europeo”. Lo affermano il capogruppo del Pd al Parlamento europeo, David Sassoli, e l’europarlamentare democratico Francesco De Angelis, relatore in Commissione Industria della direttiva sui ritardi di pagamento, a proposito dell’approvazione oggi in Aula alla Camera dell’emendamento al ddl Comunitaria che prevede il recepimento entro sei mesi, attraverso i decreti legislativi, della direttiva Ue.

“L’impegno assunto quest’oggi è decisivo perché anticipa la scadenza naturale del termine per il recepimento della direttiva, mettendo l’Italia in carreggiata rispetto agli altri paesi europei. Fino ad oggi l’Italia era maglia nera in Europa, con tempi di attesa talvolta doppi o tripli rispetto ad altri paesi. La novità di oggi rappresenta una svolta per la competitività delle imprese italiane in Europa, perché finalmente potranno competere da pari a pari con quelle dei numerosi stati membri che hanno già recepito la direttiva”

L’eurodeputato Francesco De Angelis, relatore della Direttiva in Commissione, rimarca la propria soddisfazione: “Si tratta di un provvedimento molto sentito dalle PMI, specialmente nel nostro territorio, dove tante aziende sono in difficoltà per i ritardi di pagamento della pubblica amministrazione ed in special modo della Regione Lazio. Si compie oggi un altro passo importante, anche grazie al contributo del Pd in Europa e in Italia, verso il completamento del mercato unico europeo, confermando la vicinanza del Parlamento Europeo ai problemi reali dell’economia e dei cittadini”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>