Clima: De Angelis (PD), da Parlamento europeo voto schizofrenico. Rilanciare agenda climatica europea

emissioni_co2“Invece di sostenere attivamente le politiche per il clima, quest’oggi il Parlamento europeo ha sottoscritto una posizione schizofrenica, e per molti versi incomprensibile”. A dichiararlo è Francesco De Angelis, membro della Commissione Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento europeo a margine della votazione sul rapporto Groote relativo alla revisione dello Schema Europeo per le Emissioni di CO2 a fini industriali (European Trading Scheme).

“Il Parlamento europeo ha prima rigettato la proposta della Commissione europea sulla revisione del calendario delle aste ETS – precisa l’eurodeputato – salvo poco dopo rinviare in Commissione Ambiente la discussione sulla proposta poco prima rigettata”.

“A questo punto – continua l’eurodeputato – il testo ritorna al vaglio della Commissione parlamentare competente, e tuttavia non sfugge che il perseguimento degli ambiziosi obiettivi climatici non può prescindere da una meticolosa revisione strutturale del sistema di attribuzione delle quote di ETS, così come indicato proprio nel Rapporto Groote”.

“La posizione assunta da una parte del comparto industriale italiano sulla revisione delle scadenze per le aste ETS – continua De Angelis – è figlia di interessi settoriali di respiro cortissimo”. Per l’eurodeputato del Pd, “invece di sondare le enormi potenzialità della green economy a cui tutti mercati industriali europei di punta si stanno rivolgendo, alcune grandi realtà industriali italiane sono sembrate più inclini a preservare un modello produttivo miope perché scarsamente competitivo non solo in Europa, ma nel rapporto con i più evoluti mercati Statunitensi e Asiatici”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>