Telecomunicazioni: Piano mercato unico UE sia più ambizioso

telecomunicazioni_mercato_unico“La Commissione Europea non ci ha convinti”. Così l’eurodeputato Francesco De Angelis a margine della presentazione in Commissione Industria del Parlamento europeo dello studio d’impatto sulla proposta di completamento del mercato interno delle telecomunicazioni. “I dubbi restano – continua l’eurodeputato – perché la proposta di regolamento manca di concreti obiettivi operativi. I target sono specifici, rendendo impossibile una valutazione a posteriori della legislazione – precisa De Angelis – e il riferimento stesso all’obiettivo del completamento del digital market non è supportato da strumenti minimi sufficienti”.

Per De Angelis “alle considerazioni di ordine metodologico si aggiungono le scelte di carattere strategico della Commissione, che sembrano premiare il consolidamento del mercato a discapito dei criteri di concorrenza. Ma il prezzo della competitività del mercato europeo nel mondo non deve ricadere esclusivamente sulla qualità e sui costi dei servizi al dettaglio, cioè sui consumatori. Bisogna trovare un punto di equilibrio tra i legittimi obiettivi di consolidamento e l’apertura dei mercati nazionali che, per il momento, mi pare non sia stato identificato. La discussione interessa uno spettro ampio di attori pubblici e privati – commenta De Angelis – e come abbiamo potuto notare in questi giorni e settimane, coinvolge complesse e delicatissime questioni di sicurezza, sovranità e tutela della privacy di tutti noi”.

“Ci vuole più concorrenza e apertura, maggiore chiarezza sulle responsabilità delle authority nazionali, e una road-map verso il completamento del digital market cha sia fatta di obiettivi misurabili. Ora comincia il lavoro emendativo, dove il Gruppo dei Socialisti e Democratici cercherà di giocare un ruolo decisivo nelle commissioni e in plenaria. E anche sul versante della nostra battaglia per l’abolizione totale delle tariffe di roaming – continua De Angelis – un migliore regolamento sul completamento del digital market vorrà dire creare le condizioni per una piena abolizione del roaming entro e non oltre il 2016.”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>