Dall’Europa 3 milioni di euro per il reinserimento dei lavoratori della Videocon, la soddisfazione dell’on. De Angelis che commenta il risultato raggiunto: “Provvedimento importante. E’ solo l’inizio”

videocon_anagni“Si tratta di un primo importante intervento concreto frutto dell’impegno e delle sollecitazioni rivolte in aula alla Commissione, che oggi vede il compimento con il voto positive del Parlamento Europeo”. Con queste parole l’eurodeputato Pd Francesco De Angelis, che si è speso e battuto per questo risultato, ha accolto il voto con cui martedì 15 Aprile la plenaria di Strasburgo ha approvato la relazione Dearden che stanzia 3 milioni di euro per il reinserimento formativo e professionale dei 1.164 lavoratori licenziati dalla Videocon di Anagni. Intervenendo in aula sul tema, De Angelis ha parlato di una “vera boccata di ossigeno che i lavoratori del frusinate aspettavano da tanto tempo”. Secondo l’eurodeputato, “grazie a queste prime risorse i lavoratori in esubero della Videocon possono ora intraprendere il percorso di reinserimento formativo e professionale, e con loro possono tornare a sperare le famiglie e gli altri lavoratori dell’indotto. E’ importante che nella fase di programmazione di queste risorse si tenga conto del profilo dei lavoratori licenziati, dove nel caso degli ex lavoratori Videocon ben il 40% riguarda un quadro di professionalità di età superiore ai 55 anni”. Per l’eurodeputato Pd, “il lavoro di sponda tra Europa, Governo, istituzioni regionali e locali, e sindacati, che ha dato il via a questo processo, dovrà andare ben oltre il voto di oggi, per costruire insieme attraverso le nuove risorse del FSE e del FESR le condizioni per la ripresa occupazionale e produttiva nel Basso Lazio”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>