Comunicati stampa — 17 aprile 2014

PD e Socialisti insieme nella lista delle europee, De Angelis: “Un fatto politico molto importante. Oggi siamo più forti e più uniti”

pd-pseDichiarazione dell’on. Francesco De Angelis: “La scelta dei Socialisti di costruire la lista insieme al PD per le elezioni europee è un fatto politico molto importante, che rafforza l’adesione del PD alla famiglia socialista europea avvenuta in maniera ufficiale il mese scorso. Corriamo insieme, questo ci rende più uniti e più forti. Il Partito Socialista nella nostra provincia vanta una tradizione storica molto importante e rappresenta un partito di cui gli elettori ed i cittadini hanno sempre avuto stima e fiducia, grazie alla guida di Gian Franco Schietroma e del gruppo dirigente socialista della nostra provincia. Questa soluzione è stata facilitata dal fatto che finalmente il PD ha risolto il tema della collocazione internazionale, approdando nella grande famiglia socialdemocratica europea. Per me, convinto sostenitore da sempre, è stato uno sbocco naturale: il PSE è una grande forza riformista, democratica e socialista, che unisce culture e tradizioni diverse che condividono gli stessi ideali e valori. Lo vediamo anche nella nostra provincia: le culture politiche che si sono ritrovate oggi nel PD hanno radici molto solide, a conferma di una condivisione di obiettivi, valori ed ideali di lunga data. La lista delle europee insieme con i Socialisti rafforza la possibilità per il PD di poter ottenere più seggi, e quindi una maggiore rappresentanza parlamentare, soprattutto nell’Italia centrale, dove i sondaggi danno delle proiezioni molto incoraggianti in questo senso. Oggi siamo più forti. Come ha ben sottolineato il premier Matteo Renzi nel discorso tenuto al congresso del Pse, abbiamo un progetto comune: insieme per cambiare il futuro, per vincere la sfida della cultura e dell’educazione, puntando su istruzione, ricerca ed innovazione. La candidatura di Martin Schulz alla presidenza della Commissione Europea in quest’ottica è importante per dimostrare che abbiamo un’agenda comune che cambierà la politica europea. La Commissione Ue con Schulz dovrà invertire la rotta: non più rigore, ma crescita e sviluppo. Il PD dovrà sostenere questo processo per il cambiamento, non solo per l’Italia ma per l’Europa”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>