Comunicati stampa — 19 maggio 2014

L’on. Francesco De Angelis sottoscrive l’appello ecologista

ecologiaL’on. Francesco De Angelis ha sottoscritto l’appello ecologista promosso dall’Associazione Ecologisti e Democratici (ECODEM). Spiega l’on. De Angelis: “Ho condiviso le ragioni dell’appello che chiedono ai candidati alle elezioni europee un impegno ecologista per un nuovo progetto europeo di sviluppo basato su una green economy che rappresenta una importante possibilità per attivare un nuovo ciclo economico, in grado di affrontare sia la crisi economica e finanziaria sia quella ecologica e climatica, in grado di promuovere nuove attività, cambiamenti e conversioni di molte di quelle esistenti, di generare nuovo benessere di migliore qualità. Dobbiamo pensare al futuro dei nostri figli ed alle giovani generazioni per questo è fondamentale l’attenzione alle problematiche ambientali. In quest’ottica le proposte di una riforma fiscale ecologica (con riduzione dei prelievi dai redditi da lavoro e delle imprese, per aumentarlo sull’inquinamento e sul consumo di risorse) e della revisione del Fiscal Compact, introducendo la possibilità di utilizzare eurobond per finanziare l’ecoinnovazione, senza pesare sul debito pubblico nazionale, sono molto importanti. Condivido, inoltre, l’esigenza di puntare su un nuovo pacchetto di misure vincolanti che preveda, entro il 2030, di ridurre del 50% le emissioni di gas di serra, di incentivare l’energia rinnovabili, il risparmio energetico, il riciclo, la biodiversità e l’effettivo funzionamento della Rete Natura 2000, rafforzando i finanziamenti europei per tutelare il capitale naturale e i servizi ecosistemici, limitare il consumo di suolo, rafforzare le bonifiche e il recupero delle aree contaminate, sviluppare le infrastrutture verdi, anche per mitigare e ridurre gli impatti della crisi climatica e i rischi del dissesto idrogeologico. Ed ancora: puntare sull’agricoltura europea, favorendo anche l’occupazione nelle campagne, tutelare l’acqua ed i beni primari, migliorare i sistemi di depurazione, per abbattere le perdite nelle reti di distribuzione e promuovere il risparmio idrico nelle produzioni agricole e in quelle industriali, sviluppare misure europee di sostegno e finanziamento per città sostenibile. L’Europa deve avere a cuore l’ambiente, per il futuro di tutti noi e dei nostri figli”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>