Comunicati stampa — 20 maggio 2014

L’on. Francesco De Angelis incontra i lavoratori della Mersen di Patrica

de_angelis_alla_mersen_di_patrica“Le notizie che ci giungono dalla Mersen di Patrica sono molto allarmarti e siamo molto preoccupati, ma le istituzioni saranno al fianco dei lavoratori in questo delicato passaggio. E’ sicuramente positiva la convocazione del tavolo interistituzionale di Venerdì per discutere della vicenda”. Così l’europarlamentare Francesco De Angelis a margine dell’incontro con i lavoratori della Mersen di Patrica, avvenuto questa mattina, Martedì 20 Maggio, dopo che la Multinazionale ha annunciato che nell’ambito del progetto di ristrutturazione aziendale è prevista la chiusura di alcuni siti, tra cui quello di Patrica, mettendo a rischio ben 45 dipendenti. Prosegue De Angelis: “La proprietà ha spiegato che il sito di Patrica, la cui attività è rappresentata per la maggior parte dalla produzione dei materiali in grafite, ha subito un decremento di fatturato a causa del mercato dei prodotti in grafite che ha avuto un drastico calo nel periodo 2008-2013. La scelta di chiudere il sito ed abbandonare l’importante lavorazione di grafite non appare lungimirante. Questa congiuntura del grafite, come emerge da numerosi studi, rappresenta una fase temporanea dovuta alle difficoltà delle industrie che operano nell’energia solare, grandi consumatori di grafite, ed alla concorrenza dei paesi asiatici. Ma, anche se la domanda globale sul mercato dell’acciaio, il principale consumatore di grafite lamellare, è in calo, gli analisti ritengono che le prospettive di mercato per le lavorazioni di questa materia prima siano molto buone: la recente scoperta del team degli ingegneri della Arizona State University sull’utilizzo di nanoparticelle di grafite per incrementare l’efficienza dei pannelli fotovoltaici, apre infatti scenari nuovi. Avere uno stabilimento che sa utilizzare e lavorare la grafite, anche per le nuove possibili produzioni, potrà essere un fattore importante: si parla di nuove applicazioni, oltre che nel fotovoltaico, nelle batterie e addirittura nell’elettronica. Chiudere un sito esperto nella lavorazione del grafite in questo momento è una scelta che non guarda al futuro economico, sempre più innovativo e sempre più ecologico. Anche per questo ho sottoscritto l’impegno promosso dall’Associazione Ecologisti e Democratici (Ecodem) del PD per un nuovo progetto europeo di sviluppo basato su una green economy che rappresenta una importante possibilità per attivare un nuovo ciclo economico, tra cui, appunto, le energia rinnovabili. Ad ogni modo noi saremo vicini ai lavoratori, seguiremo la vicenda e seguiremo il confronto tra istituzioni, rappresentanti della Mersen, parti sociali e lavoratori per esaminare ogni possibile ipotesi per scongiutare la chiusura di questo importante sito produttivo”.

Commenti chiusi.