Comunicati stampa — 18 luglio 2016

Fca, resta alta l’attenzione sullo stabilimento di Piedimonte. Asi protagonista nel corso dell’audizione della Commissione Sviluppo Economico

fca_piedimonte_san_germanoResta alta l’attenzione sullo stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano. I consorzi industriali Asi di Frosinone, del Lazio Meridionale Cosilam, Amministrazione provinciale e Astral protagonisti ieri nel corso dell’audizione in Regione della Commissione Lavoro e Sviluppo economico, presieduta dal consigliere Daniele Fichera. Sul tavolo ancora una volta la legge del 31 dicembre del 2002, numero 46, destinata ad “Interventi per il sostegno allo sviluppo e all’occupazione nelle aree interessate dalla crisi dello stabilimento Fca (ex Fiat)” e, in particolare, la discussione e l’approvazione del programma operativo.

“Dopo aver già stanziato ben 3,5 milioni di euro per l’area che ospita una delle più grandi realtà industriali del nostro Paese e, ovviamente, dell’intero Frusinate – ha dichiarato a margine dell’incontro il presidente dell’Asi Francesco De Angelis – dal governatore Zingaretti e da tutta la sua squadra stiamo avendo, giorno dopo giorno, ulteriori segnali di grande attenzione verso il nostro territorio. Non è un mistero che la crisi abbia colpito la Ciociaria più di altre realtà italiane, ma negli ultimi anni possiamo dire di aver iniziato quel percorso che ci porterà fuori dall’emergenza. E questo grazie anche ad un ente che sa stare vicino a tutti, ma specialmente a chi ne ha bisogno. Sono quindi doverosi i ringraziamenti al presidente Fichera e a tutti i membri della commissione per questo segnale di rinnovata apertura e per l’ennesima opportunità di confronto che ci è stata offerta sulla legge 46, strumento fondamentale per una definitiva ripresa della Fiat e di tutto l’indotto dell’automotive che vi ruota intorno”.

E ancora: “Mi piace ricordare che anche l’Asi darà il proprio contributo per rendere l’area industriale del Cassinate più funzionale e competitiva. Il Consorzio ha infatti presentato due progetti che sono stati ammessi a finanziamento. Il primo, che riguarda il depuratore di Villa Santa Lucia, prevede lavori mirati al miglioramento e all’efficientamento del ciclo di depurazione, oltre che l’adeguamento alle recenti norme in materia ambientale, per un importo pari a 1,3 milioni. Il secondo, al quale sono stati assegnati 363 mila euro, sarà invece incentrato sulla manutenzione straordinaria dell’acquedotto terme Verroniane. E’ bene sottolineare – conclude il presidente del Consorzio industriale di Frosinone – che si tratta di interventi su strutture ed impianti a servizio dello stabilimento Fiat di Cassino”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>