Comunicati stampa — 2 agosto 2016

Referendum costituzionale, De Angelis: “L’ipotesi di una sconfitta non è neanche da prendere in considerazione. La posta in gioco è troppo alta”

referendum_costituzionale“Il voto sul referendum costituzionale non è un voto sul Governo, ma sulla opportunità di cambiare e migliorare il Paese”.

A dichiararlo in una nota è l’onorevole Francesco De Angelis, dirigente dem della provincia di Frosinone, in vista della visita nel capoluogo del ministro per le Riforme costituzionali Maria Elena Boschi e del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, in programma per domani (mercoledì 3 agosto) alle 18.30 in piazza Gramsci.

“Si tratta di una iniziativa importante – argomenta De Angelis – e la presenza del ministro Maria Elena Boschi servirà a chiarire le ragioni del sì. Un sì alla riforma vuol dire far fare all’Italia quel salto di qualità sulla strada delle riforme e dell’innovazione”.

E ancora: “Con il sì vogliamo rendere più snello, più moderno e competitivo il nostro Paese, aprendo finalmente la strada ad una moderna democrazia dell’alternanza. Sono convinto che gli italiani non perderanno l’occasione per cambiare il Paese e lo dimostrano anche le oltre 580 mila firme raccolte dal Comitato per il sì. Ora tocca al Partito democratico uscire da una discussione tutta interna per parlare al Paese e impegnarsi fino in fondo in questa battaglia di civiltà.

La politica ha commesso molti errori, ma con questo referendum vogliamo dare nuovo slancio e una nuova speranza per il futuro dell’Italia Il Pd, insieme a tutte le forze riformatrici e a tantissima parte della società civile, farà per intero la propria parte per non sprecare questa importante occasione di cambiamento e di rinnovamento del Paese”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>