Comunicati stampa, Evidenza — 27 maggio 2017

Comunali 2017, Francesco De Angelis suona la carica al Pd e ai cittadini: con Cristofari sindaco il capoluogo uscirà dal letargo e tornerà a correre

comunali_2017_01“Ora che la campagna elettorale sta entrando nel vivo e si comincia a giocare seriamente, lo posso dire: arriveremo al ballottaggio e poi metteremo la freccia e vinceremo. Ci riprenderemo questa città per farla tornare a correre”. Francesco De Angelis ha suonato la carica al Pd e ai tanti cittadini intervenuti nel corso della manifestazione organizzata questo pomeriggio all’Astor Hotel di Frosinone per il candidato sindaco Fabrizio Cristofari.

Con lui anche l’assessore regionale all’Ambiente Mauro Buschini e il segretario provinciale dei Gd Alessandro Marino.

comunali_2017_02“Questa sera – ha aggiunto guardando il folto pubblico – voglio caricarvi di una responsabilità, che ovviamente grava anche su tutti noi dem. Dico questo perché il risultato che riuscirà ad ottenere Fabrizio è nelle nostre mani. In queste due settimane che ci separano dal voto dobbiamo dare il massimo perché non dobbiamo perdere l’occasione per cambiare, per voltare pagina, per ridare a questa città la dignità che dovrebbe avere ogni capoluogo di provincia. Con Cristofari tutto questo sarà possibile perché lui è uno di noi, perché lui ama Frosinone. In questo frangente – ha proseguito – le polemiche non devono interessarci perché noi vinceremo con la forza delle nostre idee, ma una cosa voglio dirla: percepisco nei nostri avversari un certo nervosismo. Negli ultimi tempi hanno fatto della vittoria al primo turno una sorta di tormentone. Ma io mi chiedo e vi chiedo: come si fa a sostenere una cosa del genere se la città è da cinque anni ferma al palo?. Per farla ripartire, però, serve la persona giusta. E quella persona è Fabrizio Cristofari, al quale deve andare il nostro sostegno per il bene del territorio e per il futuro dei nostri figli”.

comunali_2017_03De Angelis ha voluto poi chiarire una volta per tutte la posizione del Partito democratico sulla vicenda stadio che sta scatenando non poche polemiche: “Non possiamo sottrarci ad un doppio grazie, e ribadisco doppio: uno è indirizzato alla squadra e l’altro al presidente Maurizio Stirpe. Punto. Le chiacchiere le lasciamo agli altri”.

A sferrare un duro attacco a Nicola Ottaviani ci ha pensato Mauro Buchini: “Sono consigliere regionale da 4 anni e assessore da uno e mezzo, eppure l’attuale sindaco non ha mai chiesto il mio aiuto. Fortunatamente, questo governo regionale non ha mai basato la propria azione sul colore politico di un’amministrazione e lo dimostrano i fondi che abbiamo erogato, a partire dai 20 milioni per i servizi sociali. Con Cristofari le cose cambieranno perché lavoreremo in squadra, facendo tutti del nostro meglio, ognuno per le proprie competenze, per far ripartire Frosinone che, tanto per chiudere in bellezza, è la città che paga la più alta tassa per lo smaltimento dei rifiuti, visto che la differenziata si è fermata al 18%”.

comunali_2017_04E’ stata quindi la volta del vero protagonista della giornata che, aprendo il suo intervento, si è detto commosso per il sostegno che il Pd tutto e la città gli stanno dimostrando: “Ho un obiettivo ed è quello di essere ricordato come il sindaco di questa città. Vincere non solo non è difficile, ma la vittoria ce l’abbiamo a portata di mano, considerato che i nostri sondaggi ci rimandano oltre il 50% della popolazione che non vuole Ottaviani ancora alla guida del governo cittadino. Il motivo è semplice: i nostri avversari non hanno un programma che guardi al futuro. Io non sono riuscito a leggere una sola riga di quelle che sono le loro intenzioni perché finora li ho sentiti parlare e vantarsi di opere eseguite da altri. Noi siamo diversi. Noi abbiamo un progetto per la città, ma soprattutto abbiamo un progetto per la gente”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


— richiesto *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>